Il romanzo “La missione di Celestino” – Capitolo 3 (Parte Seconda)

La lapide dice: ”E’ pia tradizione che su questa pietra si sia inginocchiato il giumento che trasportava la sacra immagine della Madonna di Roio quando i pastori si recarono dalle Puglie in Abruzzo. Nel giugno del 1961 fu rimossa dal mezzo della Via Mariana e qui sistemata a perenne ricordo”. 

«La chiamano Via Crucis perché, dopo questa salita che non molla mai nemmeno per un centimetro, il pellegrino vede apparirgli al fine la Madonna….».
Il sovrintendente non rispondeva.
«Beh, lei ci avrà di sicuro già parlato con la Vergine. Magari, nel frattempo che la raggiungevo io, le ha scritto anche una e-mail. Che programma di posta elettronica usano in Paradiso? Sette, ben sette Stazioni ho passato da quella in cui c’eravamo fermati. Ho attraversato tutto il Mistero Doloroso e tutto quello Glorioso: alla fine l’ho vista pure io la Madonna. In questa Stazione cosa c’è scritto? ”In memoria di Maria Rusconi, vedova Confalonieri”. Ancora questo Confalonieri. Che pizza…».
«Non sia blasfemo. Abbia un po’ di rispetto!».
«Ho rispetto, ma solo per lei. In fondo siamo stati messi dal destino sulla stessa barca. Non la posso lasciare da solo in balia della sua amica. Che forse tiene bottone ad un gruppo di mezzi pazzi». …

Leggi tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.