Il Primo Giubileo della Storia

Il quindicensimo libro di Angelo De Nicola (vedi bio)

PER ACQUISTARE IL LIBRO:

AMAZON:
https://www.amazon.it/s?i=stripbooks&rh=p_27%3Aangelo+de+nicola%2Cp_28%3Ail+primo+giubileo+della+storia&Adv-Srch-Books-Submit.x=18&Adv-Srch-Books-Submit.y=13&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85Z%C3%95%C3%91&page_nav_name=Libri+in+italiano&unfiltered=1&ref=sr_adv_b

LA FELTRINELLI IBS
https://www.ibs.it/primo-giubileo-della-storia-perdonanza-libro-angelo-de-nicola/e/9791280691187?queryId=611eaf51c92918d420867fc973c24c1c

SCHEDA SINTESI

L’epocale pellegrinaggio di Papa Francesco, il 28 agosto del 2022, per aprire la Porta Santa della basilica di Santa Maria di Collemaggio ha finalmente rimesso al posto che merita nella Storia quel “povero cristiano” di Celestino V. Ed ha elevato la Perdonanza Celestiniana, già Patrimonio Immateriale dell’Umanità, a risorsa fondamentale anche della Chiesa quale “primo Giubileo della storia”, promuovendo la città dell’Aquila a “Capitale del Perdono”. Altro che “colui che fece per viltade il gran rifiuto” (Papa Celestino V)! Altro che la “più elegante delle sagre” (la Perdonanza)!

Ma cosa è la Perdonanza? Perché è il primo Giubileo della Storia? Perché è una festa laica? Perché Papa Celestino V è un eroe e non un vigliacco? Perché il tema del perdono, anche in senso laico, è così attuale?

Soprattutto a tali interrogativi vuole cercare di rispondere questo volume. Una sorta di “guida” divulgativa agile e veloce, per avere una visione a volo d’uccello di questioni secolari, complicate, dibattute, alcune ancora irrisolte.

INCIPIT DEL LIBRO

La Perdonanza dell’Aquila, il principale evento dell’Abruzzo, è uno dei più conosciuti in campo nazionale per via del suo valore universale di spiritualità.
Una ricorrenza che non si è mai interrotta: pestilenze, pandemie, terremoti… nulla ha mai fermato la rievocazione del “Dono” che Papa Celestino V fece in quel 29 agosto del 1294, concedendo l’Indulgenza Plenaria con la Bolla del Perdono a chi, sinceramente pentito e confessato, entrasse nella basilica di Santa Maria di Collemaggio all’Aquila (dove lui sceglie di farsi incoronare Pontefice), tra i vespri del 28 e i vespri del 29 agosto di ogni anno. Un gesto rivoluzionario perché le Indulgenze Plenarie, ovvero il perdono da tutti i peccati, all’epoca bisognava lucrarle, cioè pagarle. E invece, l’Eremita del Morrone concede il privilegio “erga omnes”, anche ai poveri che non potevano permetterselo.
Un evento epocale, in quella fine secolo del Duecento, l’incoronazione di Pietro dal Morrone all’Aquila (dopo un conclave rimasto bloccato per due anni a causa soprattutto delle lotte intestine tra gli Orsini e i Colonna per esprimere il papato), al quale assistettero duecentomila persone, secondo l’autorevole testimonianza da parte di Tolomeo da Lucca. (…)
(…) È stato Papa Francesco, il 28 agosto del 2022, aprendo la Porta Santa della 728.ma Perdonanza, a riabilitare, definitivamente, il “povero cristiano” marchiato nei secoli di vigliaccheria per quelle sue clamorose dimissioni. Ha detto Bergoglio, in mondovisione, che è sbagliata l’interpretazione del verso dantesco del “gran rifiuto”: «Erroneamente ricordiamo la figura di Celestino V come “colui che fece il gran rifiuto”, secondo l’espressione di Dante nella Divina Commedia; ma Celestino V non è stato l’uomo del “no”, è stato l’uomo del “si”. Infatti, non esiste altro modo di realizzare la volontà di Dio che assumendo la forza degli umili. Proprio perché sono tali, gli umili appaiono agli occhi degli uomini deboli e perdenti, ma in realtà sono i veri vincitori, perché sono gli unici che confidano completamente nel Signore e conoscono la sua volontà. È infatti “ai miti che Dio rivela i suoi segreti». In questo, azzerando polemiche settecentenarie su quel maledetto-benedetto verso dantesco, è andato oltre Papa Paolo VI che nel 1966 disse: «…Come per dovere l’Eremita del Morrone aveva accettato il Pontificato supremo, così, per dovere, vi rinuncia; non per viltà, come Dante scrisse – se le sue parole si riferiscono veramente a Celestino – ma per eroismo di virtù, per sentimento di dovere».

LE PRESENTAZIONI

1. Monastero di San Basilio- L’Aquila 6/12/2023

2. Firmacopie “Libreria Colacchi” L’Aquikla

3. Università della Terza Età- L’Aquila 13/12/2023

4. Atelier Verna – Pescara 15/12/2023

5. Istituto Santa Maria degli Angeli – L’Aquila 17/01/2024

6. Caderzone – Trento 1/03/2024

7. Centro Commerciale L’Aquilone – L’Aquila 12/04/2024

8. Isernia 19/05/2024

9. Campidoglio- Roma 27/05/2024

10. Preturo- L’Aquila 22/06/2024

Decima presentazione a Preturo (AQ) del libro “Il primo Giubileo della Storia” (One group Edizioni)

A PRETURO LA OTTAVA PRESENTAZIONE
DEL LIBRODI ANGELO DE NICOLA
“IL PRIMO GIUBILEO DELLA STORIA”

Si terrà sabato prossimo 22 giugno, alle ore 18 presso il Centro Polifunzionale in via Vittorio De Sica a Cese di Preturo, l’ottava presentazione del nuovo libro di Angelo De Nicola, “Il Primo Giubileo della Storia” (One Group Edizioni), promossa dal locale Centro Servizi Anziani.Alla presentazione multimediale con immagini e video, interverranno con l’autore, Fulgo Graziosipresidente del Csa e l’editrice Francesca Pompa, presidente Edizioni One Group. Le letture saranno affidate, come di consueto, a Sabrina Giangrande, giornalista.

IL LIBRO
L’epocale pellegrinaggio di Papa Francesco, il 28 agosto del 2022, per aprire la Porta Santa della basilica di Santa Maria di Collemaggio ha finalmente rimesso al posto che merita nella Storia quel “povero cristiano” di Celestino V. Ed ha elevato la Perdonanza Celestiniana, già Patrimonio Immateriale dell’Umanità, a risorsa fondamentale anche della Chiesa quale “primo Giubileo della storia”, promuovendo la città dell’Aquila a “Capitale del Perdono”. Altro che “colui che fece per viltade il gran rifiuto” (Papa Celestino V)! Altro che la “più elegante delle sagre” (la Perdonanza)!Ma cosa è la Perdonanza? Perché è il primo Giubileo della Storia? Perché è una festa laica? Perché Papa Celestino V è un eroe e non un vigliacco? Perché il tema del perdono, anche in senso laico, è così attuale?Soprattutto a tali interrogativi vuole cercare di rispondere questo volume. Una sorta di “guida” divulgativa agile e veloce, per avere una visione a volo d’uccello di questioni secolari, complicate, dibattute, alcune ancora irrisolte.

Al via la seconda edizione del “Natale al Monastero” presentazione multimediale del libro di Angelo De Nicola: “Il Primo Giubileo della Storia”.

COMUNICATO STAMPA
Ieri, in un’affollata chiesa del Monastero San Basilio, si è aperta ufficialmente la seconda edizione del “Natale al Monastero” con la presentazione multimediale del libro di Angelo De Nicola “Il primo Giubileo della Storia” (One Group Edizioni), trasmesso in diretta streaming grazie a Manuwebtv.
Sono intervenuti con l’autore: Dario Nanni – Consigliere comunale di Roma Capitale e Presidente della Commissione Giubileo; Don Martino Gajda – Membro Comitato Perdonanza, Francesca Pompa – Presidente One Group, le letture sono state eseguite da Sabrina Giangrande – Amici di San Basilio; ha moderato l’incontro il giornalista Fabrizio Caporale.
Presente anche l’ex parlamentare Stefania Pezzopane, consigliera comunale del Partito Democratico. A tutti gli ospiti il consueto e prezioso omaggio realizzato dalle Monache con gli auguri natalizi.
Nella giornata odierna, 7 dicembre, con inizio alle ore 16, è prevista la Tavola rotonda “L’Aquila e Sulmona: quale Perdono?” con gli interventi di: Don Girolamo Dello Iacono – Assistente spirituale Monastero San Basilio, Isernia; Giulio Mastrogiuseppe – Associazione Celestiniana Sulmona; Fabio Maiorano – Deputato Storia Patria Abruzzese; Padre Quirino Salomone – Centro studi Celestiniani L’Aquila; Angelo De Nicola – Amici di San Basilio; modera Giovanni Ruscitti – Giornalista e a seguire, alle 18.30 “Laetitia Adventi” con il Maestro organista Luciano Bologna che si esibirà con l’organo settecentesco, recentemente restaurato, Baldassarre Galuppi (1706 – 1785) con la Sonata II in fa Maggiore (Andantino – Allegro); Luigi Bittoni (1753 -?) Pastorale Anonimo Pistoiese del XVIII secolo, All’elevazione; Antonio de Cabezon (1510 – 1566) Diferencias sopra la Gallarda Milanesa; Domenico Zipoli (1688 – 1726) Quattro versetti in do maggiore, Canzona in do maggiore, Pastorale, Al post Comunio; Johann Sebastian Bach (1685- 1750); Due corali dal Clavierübung,- Vater unser im Himmelreich, Fughetta super Nun komm der Heiden Heiland; Gaetano Valeri (1760 – 1822) Sonata II in do maggiore.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10225279749209268&set=a.1328932871901&type=3

COMUNICATO STAMPA
GIUBILEO, NANNI = CREARE ASSE CON L’AQUILA CAPITALE DEL PERDONO


E’ fondamentale che in vista del Giubileo Roma organizzi delle iniziative insieme alla città de L’Aquila riconosciuta da Papa Francesco come la capitale del perdono.
Così in una nota Dario Nanni, presidente della Commissione Giubileo durante la presentazione del libro di Angelo De Nicola “IL PRIMO GIUBILEO DELLA STORIA: LA PERDONANZA DI CELESTINO V”.
L’Aquila è soltanto ad un’ora da Roma ed è la sesta città d’Italia come numero di monumenti presenti, sarebbe un connubio naturale quello di organizzare iniziative ed eventi in collaborazione con la città de L’Aquila. Proprio lo scorso anno Papa Francesco durante la sua visita nella città abruzzese la definì la città del perdono, della pace e della riconciliazione. Per queste ragioni e per la storia che lega anche le due città, è importante organizzare eventi e iniziative e creare le condizioni affinché ci siano momenti in cui Roma e l’Aquila condividano l’importante evento del Giubileo.
Tra l’altro, proprio il primo Giubileo della storia, nel 1300, fu il risultato di scelte legate a seguito del gran rifiuto di Celestino V che in qualche modo innescò la necessità di organizzare un altro evento proprio per concedere le indulgenze ed il perdono.
Sono sicuro – conclude Nanni – che organizzare degli eventi ed iniziative e stringere questo patto di collaborazione con l’Aquila oltre che naturale sarà anche utile alla città di Roma e alle stesse regioni del Lazio e dell’Abruzzo.

Assemblea Capitolina
Commissione Capitolina Speciale “Giubileo 2025”
Il Presidente Dario Nanni
Via G. D’annunzio nr. 100
00187 – Roma

https://www.rainews.it/tgr/abruzzo/video/2023/12/verso-lanno-giubilare-da-roma-arriva-unimportante-apertura-nei-confronti-dellaquila-affinche-la-citta-della-perdonanza-abbia-un-ruolo-nel-giubileo-2025-17f1382b-72f1-49db-8404-0f1d3ad33fc9.html?fbclid=IwAR3jvODGWFS1sgSIQORLJkAiI6IbWuv7dJdUJ2X5V7dfXsSeTwyaATeEals

https://www.ilcapoluogo.it/2023/12/09/giubileo-un-asse-con-laquila-capitale-del-perdono/

Sul quotidiano Il Centro del 9 dicembre 2023

Sul quotidiano Il Messaggero del 9 dicembre 2023

https://www.radiolaquila1.it/2023/12/09/giubileo-nanni-creare-asse-con-laquila-capitale-del-perdono/

https://www.radiolaquila1.it/2023/12/07/commozione-e-applausi-alla-presentazione-del-libro-di-angelo-de-nicola-il-giubileo-della-storia/?fbclid=IwAR29oG5lNgUO__VvWWdaIwxreI-FlzZ_4vOaCdQO6sr637OkW8ufIOAA7t0

https://www.ilcentro.it/l-aquila/giubileo-della-chiesa-2025-ora-roma-chiama-l-aquila-1.3230108

Il nuovo libro “Il Primo Giubileo della storia” (One Group Edizioni): anticipazioni

Un dedica col cuore nel mio ultimo libro. Stefano ci manca: a marzo saranno due anni…

Due immagini molto significative contenute nel mio ultimo libro che sarà presentato mercoledì 6 dicembre alle 17,30 presso il monastero di San Basilio, il più antico dell’Aquila.
A sinistra la prima Dama della Bolla, Liliana Del Giudice, dipendente del Comune dell’Aquila, interpretò il ruolo per tre anni, dal 1985 (quando fu introdotta la figura) al 1987. Il Giovin Signore (ruolo a principio affidato anch’esso a un dipendente del Comune dell’Aquila) è Marcello Antonetti.
A destra: l’ultima Dama della Bolla, Elisa Cerasoli (edizione 1996), a portare nell’antico astuccio (risalente al settecento) la Bolla in originale. Il Giovin Signore è un ventenne Claudio Tracanna, prima di diventare sacerdote, oggi parroco di Pizzoli e responsabile della comunicazione della Curia arcivescovile dell’Aquila.