Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 110

Il giudice Gaetano Dragotto

110. PERRUZZA, STRADA SBARRATA ALLA REVISIONE – 26. 5. 1998
Quello che molti ritenevano impossibile, invece, è accaduto. La Procura generale presso la Corte d’Appello dell’Aquila ha presentato appello contro la sentenza con la quale il Tribunale di Sulmona aveva assolto Michele Perruzza e sua moglie in un processo-satellite a quello principale che ha riaperto clamorosamente il caso del delitto di Balsorano. Le motivazioni del ricorso sono corpose: 47 pagine, addirittura di più delle 41 pagine con le quali il presidente del Tribunale di Sulmona, Oreste Bonavitacola, aveva in sostanza aperto la strada alla revisione della condanna all’ergastolo per il muratore di Balsorano. Strada per la revisione che ora appare sbarrata dall’iniziativa della Procura generale. …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 109

Il Procuratore generale Bruno Tarquini e, a sinistra, il suo vice Gaetano Dragotto

109. PERRUZZA, STRADA SBARRATA ALLA REVISIONE – 26. 5. 1998
Quello che molti ritenevano impossibile, invece, è accaduto. La Procura generale presso la Corte d’Appello dell’Aquila ha presentato appello contro la sentenza con la quale il Tribunale di Sulmona aveva assolto Michele Perruzza e sua moglie in un processo-satellite a quello principale che ha riaperto clamorosamente il caso del delitto di Balsorano. Le motivazioni del ricorso sono corpose: 47 pagine, addirittura di più delle 41 pagine con le quali il presidente del Tribunale di Sulmona, Oreste Bonavitacola, aveva in sostanza aperto la strada alla revisione della condanna all’ergastolo per il muratore di Balsorano. Strada per la revisione che ora appare sbarrata dall’iniziativa della Procura generale.
Il passaggio procedurale è complicato e va spiegato. La dirompente sentenza-Bonavitacola nel processo-satellite, per essere utilizzata dalla difesa di Perruzza ai fini del processo di revisione del principale chiuso con la condanna all’ergastolo, deve essere un “giudicato” definitivo. Affinché la sentenza di Sulmona potesse diventare definitiva mancava soltanto il cosiddetto “visto” della Procura generale alla quale, come “superprocura” abruzzese, tocca vagliare tutte le sentenze ed eventualmente interporre appello. Cosa che la Procura generale ha fatto.
A firmare il ricorso è stato l’Avvocato generale (ovvero la seconda carica della Procura generale), Gaetano Dragotto e non Bruno Tarquini (il capo di quell’ufficio). …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 108

Mauro Perruzza inquadrato dalle telecamere durante il processo di Sulmona (Foto Renato Vitturini)

108. UN DITO CONTRO IL FIGLIO – 23. 4. 1998
«L’assassino è Mauro». Il presidente Bonavitacola non lo dice apertamente ma è questa la conclusione del suo ragionare nelle 41 pagine delle motivazioni della sentenza.
In particolare, il presidente ha “riletto” «le dichiarazioni autoccusatorie di Mauro che ad un’attenta analisi comparativa con le altre circostanze emerse, si rivelano, nei passaggi più salienti, coerenti, concordanti e credibili».
Bonavitacola ricostruisce quella maledetta sera del 23 agosto 1990. La nonna di Cristina a caldo disse a due giornalisti di aver visto la nipotina allontanarsi con Mauro. …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 107

L’illustrazione della perizia sugli slip durante il processo-satellite di Sulmona

107. L’ALTRA VERITA’ DEL GIALLO DI BALSORANO – 23. 4. 1998
Se la “sentenza Tarquini” aveva posto un macigno davanti alla cella dell’ergastolano Michele Perruzza, la “sentenza Bonavitacola” solleva quel macigno ed apre le “Grandi porte” del processo di revisione.
Proprio nel giorno in cui il Tar del Lazio ha rigettato la richiesta di sospensiva del provvedimento di trasferimento del muratore dal carcere di Sulmona a quello milanese di Opera. Con un sforzo ciclopico (raro è il coraggio di “processare” processi già chiusi), il presidente del Tribunale di Sulmona, Oreste Bonavitacola, nelle motivazioni depositate ieri della sentenza del processo-satellite (al termine del quale Michele e sua moglie sono stati assolti dall’accusa di aver istigato il figlio Mauro ad autoaccusarsi del delitto della piccola Cristina), ribalta le verità processuali del delitto di Balsorano. Fino ad affermare che Mauro è totalmente inaffidabile ed incoerente quando accusa il padre, mentre è attendibile e coerente quando si autoaccusa. …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 106

Il giudice Bruno Tarquini scomparso nel gennaio del 2019

106. «SPOSTATE IL CASO PERRUZZA A PERUGIA» – 8. 3. 1998
Un giudice che si è occupato di un processo deve astenersi dal valutare gli sviluppi di quello stesso processo. Detta così potrebbe sembrare una regola, tecnica e morale, scontata. Invece non è così. Tanto che i difensori di Michele Perruzza (avvocati Cecchini, De Vita e Maccallini) hanno dovuto presentare apposita richiesta.
Un’istanza di astensione nella quale si chiede al Procuratore generale (Pg) presso al Corte d’Appello dell’Aquila, Bruno Tarquini, di astenersi dal valutare la sentenza dell’ormai noto “processo-satellite” tenutosi davanti al Tribunale di Sulmona. …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 105

Il Procuratore della Repubblica Brizio Montinaro

105. «MOLTE VERITA’ IN QUELLA LETTERA» – 4. 4. 1998
«Ora la possibilità di illuminare la verità del caso di delitto di Balsorano è nelle mani del Procuratore di Avezzano, Brizio Montinaro». L’avvocato Cecchini, leader del collegio che assiste Michele Perruzza, è convinto che ci sia «della veridicità e genuinità» nella lettera inviata al presidente del Tribunale di Sulmona, Oreste Bonavitacola, da un presunto testimone oculare del delitto.
Un testimone che ha scritto di aver visto, quella maledetta sera del 23 agosto 1990, il figlio di Perruzza, Mauro, correre dietro la piccola Cristina con i pantaloni scesi.
«Ritengo che delle tre ipotesi avanzate ieri dal Messaggero -insiste l’avvocato Cecchini- la seconda sia da scartare: non può essersi trattato di una trappola al presidente Bonavitacola, magistrato troppo esperto per essere preso in giro così banalmente. Restano così le altre due ipotesi, quella che la lettera sia tutta vera o che sia mezza vera e mezza falsa. Io propendo per quest’ultima: che cioè, qualcuno che sa, ha deciso di provocare il testimone oculare magari usandone il nome e cognome per firmare la lettera. Un anonimo, insomma, che però “incastra” il vero testimone. E se su questa vicenda c’è davvero un testimone oculare, allora potremmo chiuderlo questo maledetto caso che vede un innocente in carcere». …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 104

Il presidente del Tribunale di Sulmona, Oreste Bonavitacola

104. C’E’ UN SUPERTESTIMONE, STAVOLTA OCULARE – 3. 4. 1998
E ora spunta il testimone oculare che assistette all’assassinio: «L’ho visto io: quella maledetta sera a fare i “giochetti” con la piccola Cristina c’era suo cugino Mauro. Michele Perruzza è innocente».
Se il maledetto caso del delitto di Balsorano ha vissuto due processi paralleli ed al tempo stesso intrecciati, quello nelle aule di giustizia e quello sui mass media, allora siamo proprio arrivati al “redde rationem”.
Sì, perché grazie alla “gentilezza” di un anonimo “postino”, anche al cronista è stata recapitata una lettera del possibile testimone oculare che, se fosse vera, potrebbe chiudere un caso che da quasi otto anni divide l’opinione pubblica nient’affatto convinta neppure da una condanna all’ergastolo diventata definitiva dopo tre gradi di giudizio. …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 103

Gennaro De Stefano (a sinistra) intervista dal compianto Enzo Coletta

103. UN SUPERTESTIMONE ACCUSA MAURO – 18. 3. 1998
«Mauro confessò ad un prete, mentre si trovava nell’istituto per minori “don Orione”, di aver ucciso Cristina. Io ho sentito quella confessione». Una voce riemerge a distanza di 7 anni e mezzo e su Mauro Perruzza piovono nuovi macigni. Se l’ultimo “scoop” di Gennaro De Stefano, il giornalista «punta di diamante del fronte degli innocentisti» a favore di Michele Perruzza, dovesse trovare conferme processuali, il muratore di Balsorano avrebbe una speranza in più di vedere “revisionata” la sua condanna all’ergastolo. …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 102

Maria Giuseppa Capoccitti durante l’intervista alla Rai

102. ORA LA MADRE GETTA OMBRE SU MAURO -11. 3. 1998
Finora aveva sempre difeso il marito ma soprattutto aveva protetto suo figlio. La sua strenua protezione materna è in parte crollata ieri quando Maria Giuseppa Capoccitti, moglie di Michele Perruzza, ha sì difeso il marito («Era certamente con me quella sera») ma ha pure gettato pesanti ombre sul figlio Mauro.
Lo ha fatto in Tv concedendo una ”esclusiva” al programma di RaiUno “Primaditutto” a conferma, se ce ne fosse bisogno, che la drammatica vicenda del delitto di Balsorano vive due “processi”: quello nelle aule di giustizia e quello parallelo sui mass media. Un’intervista che è stata presentata come la “rottura del silenzio” da parte di una protagonista che, al contrario, ha sempre parlato.
Anche al processo-satellite aveva parlato eccome, durante un drammatico interrogatorio dopo il quale non s’è più presentata in aula, nemmeno nel giorno della sentenza che l’ha assolta dalla infamante accusa di aver istigato il figlio ad autoaccusarsi. …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 101

Mauro Perruzza durante la sua testimonianza al processo di Sulmona

101.«BASTA, ORA VOGLIO PARLARE» – 9. 3. 1998
Anche in occasione della prima condanna all’ergastolo per Michele Perruzza, nel lontano 1991, era un fine settimana di marzo. Coincidenze. Ma ieri a Case Castella di Balsorano non ci sono stati i fuochi d’artificio che sette anni fa festeggiarono la “condanna a morte” del “mostro di Balsorano”.
Nessuno ha gioito (ma nemmeno s’è disperato) per l’assoluzione nel processo- satellite davanti al Tribunale di Sulmona che ha aperto a Michele le «grandi porte della revisione» del processo principale.
A sparare “fuochi”, però, ieri ci ha pensato Mauro Perruzza che, seppure attraverso i suoi genitori adottivi, ha lanciato uno strano messaggio. In sostanza, alla luce dell’assoluzione dei genitori dall’accusa di averlo istigato ad autoaccusarsi dell’omicidio della piccola Cristina, il ragazzo dice ora «di voler parlare, di non voler rimanere in silenzio ancora a lungo». «Sono distrutto, quella del Tribunale di Sulmona era una sentenza già scontata dalla prima udienza del processo»: questo il primo commento di Mauro. …

Leggi tutto