Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 9

Il giornalista della Rai, Lodovico Petrarca (prematuramente scomparso nel 2013) durante la presentazione di questo libro all’Aquila, nel Salone della Carispaq, il 18 giugno 2003

9. CHI GETTO’ CRISTINA NEL FOSSO? 15. 9. 1990
I “misteri” del delitto di Balsorano. Mentre Michele Perruzza è in carcere da
diciotto giorni, ogni giorno sembra spuntare fuori un nuovo lato oscuro, nuovi
interrogativi. Rimuginando sulla vicenda è inevitabile.
Chi ha gettato Cristina nel fosso delle more? Viene da chiederselo riflettendo
su un particolare: la bimba è rimasta nel luogo dove è stata uccisa (soffocata come ha accertato l’autopsia) almeno una ventina di minuti. …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 8

Michele Perruzza e il suo primo legale, l’avvocato Carlo Maccallini

8.E’ BATTAGLIA DI PERIZIE 9. 9. 1990
Il figlio, l’altro ieri, lo avrebbe di nuovo accusato di essere il “mostro” che nel boschetto di more ha assassinato la piccola Cristina. Una ragazzina di 14 anni, ieri, lo ha accusato di aver tentato di adescarla con la promessa di 20. 000 lire. I capelli intrappolati nelle macchie di sangue trovate sui suoi vestiti sono, quasi certamente anche se non c’è conferma ufficiale, di quella bimba di 7 anni che madre e padre, ogni giorno da quel venerdì 24 agosto, vanno a piangere al cimitero di Ridotti di Balsorano.
La posizione di Michele Perruzza, in carcere da tredici giorni con l’accusa di essere il bruto, si fa sempre più pesante. …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 7

Michele Perruzza

7.IL SANGUE E’ DI CRISTINA 5.9. 1990
E’ stata una giornata di quiete, dopo la tempesta del “toto-mostro”, la dodicesima delle indagini sull’assassinio della piccola Cristina. Il magistrato che conduce l’inchiesta, il sostituto procuratore Mario Pinelli e gli inquirenti hanno mantenuto lo strettissimo riserbo che si sono imposti l’altro giorno ed hanno anche chiesto alla difesa di fare altrettanto «per il bene delle indagini». Unico fatto nuovo “ufficiale” è stato un lungo colloquio in carcere, ieri mattina, tra Michele Perruzza e i suoi avvocati. …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 6

I funerali di Cristina Capoccitti

6. TESTIMONIANZE AL SETACCIO 1. 9. 1990
Balsorano, otto giorni dopo la tragedia. Alla messa della “riuscita” (è costume in queste zone che i congiunti stretti del defunto restino in casa sette giorni, per tornare alla vita normale dopo una settimana col rito commemorativo), al primo banco a sinistra della chiesa di Ridotti, c’era tutta la famigliola della povera Cristina.
Il padre Giuseppe Capoccitti, la madre Dina Valentini che non è più uscita di casa dal giorno dell’assassinio restando sempre distesa sul letto, e il tredicenne Samuele. L’altro pomeriggio la famiglia Capoccitti aveva chiesto riservatezza. Al parroco don Mario De Ciantis i due genitori, provatissimi dalla tragedia e da quanto sta accadendo hanno chiesto di non suonare nemmeno le campane: avrebbero avvisato soltanto pochi intimi.
La discrezione è stata compresa, ma la chiesa era comunque piena. C’era tutta Case Castella. Non curiosi o inquirenti come era avvenuto ai funerali. …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 5

Gli avvocati Maccallini: Carlo e, a destra, il compianto Mario. Lo scatto è degli anni Novanta

5. IN ATTO UNA DIFESA DISPERATA – 29 agiosto 1990
Un eroe. Una vittima. Un ragazzetto «tarato» da qualche problema psichico o figlio di quella cultura contadina legata ancora alla figura del padre-padrone o al «familismo amorale» che porta a coprire, sempre e comunque, i propri congiunti.
Chiunque sia Mauro, il figlio tredicenne di Michele Perruzza, il quarantenne muratore finito in manette con l’accusa di essere il bruto, è l’unico ad avere la chiave di lettura del brutale delitto, a Case Castella di Balsorano, di Cristina. La confessione spontanea, infatti, poi ritrattata a distanza di poche ore, ha dimostrato agli inquirenti che il ragazzetto sa molto sull’assassinio. Forse solo una parte, per aver seguito e spiato l’assassino o quantomeno averlo sentito raccontare. Forse tutto, per aver involontariamente partecipato. …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 4

L’arresto di Michele Perruza all’alba del 27 agosto 1990 ad Avezzano (L’Aquila)

4. ALL’ALBA IL MOSTRO E’ SCOPERTO – 28 agosto 1990
«Ecco il mostro… Ecco il mostro… ». Non appena Michele Perruzza, muratore quarantenne, a testa china, esce dal Palazzo di Giustizia di Avezzano, all’alba, in manette tra due corpulenti agenti, i pochi curiosi rimasti sonnacchiosi tutta la notte al freddo ad attendere sviluppi, si risvegliano all’improvviso. Vogliono linciarlo. Vola pure qualche raggelante minaccia: «Il mostro sei tu, non tuo figlio. Vedrai ora cosa ti succederà in carcere… Assassino». Sono le 6,40 di ieri mattina. Con la Volante che scompare nella foschia mattutina verso il carcere di Avezzano, si conclude la nottata thrilling del terzo giorno delle affannose indagini a tappeto per scoprire il bruto che ha assassinato dopo aver tentato di violentarla, la piccola Cristina Capoccitti, 7 anni appena, la sera di giovedì scorso. Otto ore in cui accadde di tutto, anche l’incredibile con colpi di scena a ripetizione. …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 3

Il borgo di Case Castella di Ridotti, frazione di Balsorano (L’Aquila)

3. CRISTINA, L’ASSASSINO HA 13 ANNI – 27 agosto 1990

Ha fatto tutto un ragazzo di tredici anni. Lo sconcertante epilogo del brutale assassinio di Cristina, la piccola di 7 anni trovata uccisa completamente nuda venerdì scorso, in un fossato tra le boscaglie di Case Castella di Balsorano, è venuto ieri sera tardi, poco dopo le ore 23. Il sostituto procuratore della Repubblica di Avezzano, dottor Pinelli, ha infatti deciso il fermo di M. P. che al termine di un interrogatorio nella caserma dei carabinieri di Balsorano ha confessato di aver ucciso la bambina. E’ caduto subito. E’ scattato il provvedimento restrittivo. …

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 2

Il luogo dove fu trovata uccisa la piccola Cristina

2. IL CERCHIO SI STRINGE IN PAESE
26. 8. 1990

Biancaneve se ne è andata in una piccola bara bianca, candida come è nata. La piccola Cristina Capoccitti, la bambina trovata completamente nuda, uccisa in un fossato di Case Castella di Balsorano, non ha subito violenza carnale: lo ha accertato l’autopsia andata avanti per ore presso l’obitorio dell’ospedale di Avezzano e conclusa soltanto intorno all’una e mezzo della nottata tra venerdì e ieri dall’esperto giunto da Roma, professor Sacchetti. Non è stata violentata: un po’ a sorpresa, ma con non nascosto sollievo, gli inquirenti hanno appreso il responso dell’esame autoptico su un assassinio che comunque, a loro giudizio, è «inequivocabilmente a sfondo sessuale, con un indubbio tentativo di violenza carnale». (…)

Leggi tutto

Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 1

  1. IL BRUTO E’ ESPERTO DI QUEI LUOGHI
    25. 8. 1990

Violentata. Seviziata. Massacrata a colpi di pietra sulla testolina. Trascinata e scaraventata in un anfratto tra la boscaglia non lontano dalla strada comunale. Se non è del posto, il bruto è uno che frequenta quelle bande della Valle Roveto al confine tra l’Abruzzo e il Lazio.
Le modalità ma soprattutto il luogo dove è avvenuto il brutale assassinio di Cristina Capoccitti, non ancora 7 anni, fanno pensare ad una persona che conosceva la zona.
Che sapeva bene che tra quella fitta vegetazione sicuramente non poteva essere visto.

(…)

Leggi tutto