Il saggio “Presunto innocente, cronaca del caso Perruzza” – Capitolo 1

  1. IL BRUTO E’ ESPERTO DI QUEI LUOGHI
    25. 8. 1990

Violentata. Seviziata. Massacrata a colpi di pietra sulla testolina. Trascinata e scaraventata in un anfratto tra la boscaglia non lontano dalla strada comunale. Se non è del posto, il bruto è uno che frequenta quelle bande della Valle Roveto al confine tra l’Abruzzo e il Lazio.
Le modalità ma soprattutto il luogo dove è avvenuto il brutale assassinio di Cristina Capoccitti, non ancora 7 anni, fanno pensare ad una persona che conosceva la zona.
Che sapeva bene che tra quella fitta vegetazione sicuramente non poteva essere visto.

(…)

Leggi tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.